Ci siamo, da tempo la stavamo aspettando e sembrava non dovesse arrivare mai, ma invece eccola qua pronta ad accoglierci e a regalarci nuove avventure. Dal 26 aprile finalmente anche la nostra regione, l’Emilia Romagna, sarà ufficialmente zona gialla. Questo, infatti, significherà che chi risiede in tali zone potrà spostarsi non solo al di fuori del proprio comune ma anche in altre regioni, purchè siano “gialle” anch’esse ( Se volete saperne di più cliccate qui: https://www.governo.it/it/articolo/domande-frequenti-sulle-misure-adottate-dal-governo/15638).

Io e Lorenzo siamo entusiasti all’idea di poter ricominciare a viaggiare, certo non sarà semplice come prima, dovremmo rispettare comunque gli orari del coprifuoco, mantenere le distanze o indossare la mascherina, ma al momento a noi due tutto questo ci basta.

Infatti sia io che Lorenzo abbiamo passato questi lunghi mesi chiusi in casa da “oppressi. All’inizio l’idea di uscire di casa solo per andare al lavoro o a fare la spesa ci piaceva poichè ci permetteva di prenderci un pò più di tempo per noi, dato che prima del covid eravamo molto impegnati al lavoro o con i nostri impegni personali. Ma poi, a lungo andare il fatto di stare a casa “per forza” ci ha portato ad essere sempre più tristi, stressati e a non avere più alcuna ispirazione. Questo fattore , infatti, era entrato a far parte della nostra routine, che stava diventando via via sempre più tossica e questo fatto non ci aiutava nè spiritualmente, nè fisicamente.

Questo periodo, seppur negativo da una parte, dall’altra ci ha fatto capire che cosa vogliamo veramente fare, quali sono i nostri obiettivi e che cosa ci rende veramente felici. Una di queste è il viaggio e io e Lorenzo non vediamo l’ora di ricominciare. Siamo entusiasti all’idea di poter riprendere a scegliere le nostre mete, a riprogrammare le nostre vacanze e a sognare finalmente a occhi aperti.

Ritornare a camminare a piedi nudi sulla spiaggia di Torre Pedrera, riassaggiare i piatti di quel nostro ristorante preferito, ricominciare a goderci un bel tramonto in collina, sopra una coperta e sotto le stelle che cominciano ad apparire dopo che il sole si corica, solo a pensarci ci fa riassaporare un pochino di libertà che, purtroppo, a causa del covid, avevamo perso.

L’eccitazione è a mille, stiamo facendo il countdown giorno per giorno e, insieme alla conta delle ore e dei minuti, cresce anche la curiosità e la felicità di poter finalmente uscire dalle nostre case, respirare a pieni polmoni l’aria primaverile e goderci il tepore del sole sulla nostra pelle.

E tu? Come hai passato questi mesi chiuso/a in casa? Quali rimedi hai usato per contrastare la noia? Stai già pensando alle mete che visiterai dalla settimana prossima?

Scrivilo qui sotto nei commenti.

A presto,

Ilenia e Lorenzo.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: